Questo blog nasce per sensibilizzare tutti sul diritto al gioco dei bambini con disabilità e per far conoscere i "parchi giochi inclusivi". Di cosa si tratta? Di parchi dove tutti i bambini possono giocare insieme. Parchi privi di barriere architettoniche, parchi dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti, bambini con disabilità motoria lieve e bambini che amano saltare come grilli. In questi parchi ci sono strutture gioco, (castelli, navi, torri...), con rampe al posto delle scale, i pannelli sensoriali sono posizionati ad altezza tale che possano essere utilizzati anche da chi sta seduto così come le sabbiere o le piste per biglie e/o automobiline. Parchi con tunnel giganti il cui accesso è possibile anche alle carrozzine, giostre girevoli che possono essere utilizzate da tutti. Questi sono i giochi che piacciono a noi. Per quanto riguarda l'altalena per carrozzine abbiamo scritto alcune riflessioni, (potete leggerle: qui e qui). Non siamo contrarie all'installazione di questo gioco nei parchi, (nei parchi gioco insieme ad altre strutture pensate per tutti i bambini), mentre abbiamo grossi dubbi sulla sua reale utilità quando viene installata in un prato, in un luogo isolato da qualsiasi altro gioco. Questa altalena ultimamente è diventata “simbolo” di una città sensibile ai bisogni dei bambini e ragazzi con disabilità. E le persone con disabilità motoria lieve? E gli ipovedenti o ciechi? Scegliere un gioco che può essere utilizzato solo da alcuni bambini con disabilità, ed escludere tutti gli altri, non è una scelta felice. Ci piacerebbe che i privati, le associazioni e le amministrazioni comunali puntassero più in alto ovvero scegliessero giochi per tutti, giochi che permettono ai bambini di socializzare e giocare insieme. Se volete vedere le immagini dell'area giochi inclusiva di Rimini le trovate qui: Tutti a bordo!

domenica 31 luglio 2016

Torre Suda (Racale) giochi accessibili

Torre Suda  - Marina di Racale (Lecce). Giardino Costiero con giochi accessibili





Giochi della linea Community Giochipark http://www.giochipark.com/ita/catalogo_giochi.asp?cat=1

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Agrigento, nuovi giochi a Villa Bonfiglio

Agrigento, il 31/07/16 alle ore 18:30 sarà inaugurato il parco giochi presso Villa Bonfiglio. Un parco giochi realizzato con azione di "protagonismo civico" dall'Associazione Principi e Principesse che ha donato i giochi fruibili anche da bambini diversamente abili.
Il Comune di Agrigento si è fatto carico del montaggio e dell'adattamento dell' area.
Nel parco sono stati installati: un'altalena classica, altalena per carrozzine, giostra girevole con posti anche per carrozzine, pannello ludico tris, galeone, canestro, gioco a molla. L'area gioco è dotata di pavimentazione antitrauma solamente sotto ai giochi che necessitano per norma di tale pavimentazione. Il fondo del parco, visionando le immagini, sembra sia di terra/sabbia, (terreno non consigliato per un parco inclusivo) ...

Notizia integrale qui: http://www.scrivolibero.it/agrigento-domani-linaugurazione-del-parco-giochi-a-villa-bonfiglio/
Altre immagini qui: http://agrigentoweb.it/agrigento-domani-si-inaugura-parco-giochi-cristina-30_07_2016

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

sabato 30 luglio 2016

Bari: giostrina girevole

29/07/2016 Bari, quartiere Torre a Mare. Presso la piazzetta sotto la torre inaugurata la nuova area giochi per bambini realizzata dall’assessorato ai Lavori pubblici del Comune di Bari.
L’intervento rientra in un programma del Municipio I che ha stanziato 150mila euro con cui saranno realizzati alcuni lavori sul giardino, già esistente, di via Suglia a Japigia, e alcuni interventi a Torre a mare. Il nuovo spazio ludico è provvisto di pavimentazione in gomma  anti-trauma che garantirà la sicurezza dei bambini. Presente anche una giostra girevole con posti per carrozzine

Notizia integrale qui: http://bari.ilquotidianoitaliano.com/attualita/2016/07/news/torre-mare-inaugura-parco-giochi-bambini-galasso-aree-ludiche-tutti-quartieri-125827.html/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Gallarate, nuovi giochi nel parco

Gallarate. Presso Piazza Risorgimento, nel parco, sono stati installati alcuni giochi accessibili: un’altalena, una giostrina e un igloo pensati per i bambini con disabilità ed è dotato di una pavimentazione morbida anti urto. Il finanziamento del parco deriva dal “fondo di solidarietà” in cui gli amministratori della vecchia maggioranza guidata dall’ex sindaco Guenzani hanno versato il 10% degli emolumenti.
Notizia integrale qui: http://www.bcc-lavoce.it/2016/07/gallarate-gioco-tutti/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Gussola, altalena per carrozzine presso Centro natura Amica

Gussola, (Cremona). Il Centro Natura Amica di Gussola è una realtà sempre più importante nel territorio. D’altra parte la terapia con l’utilizzo di asini ha grandi riscontri e i risultati hanno spinto a un sempre maggiore interesse e impegno. Anche l’ultimo in ordine di tempo dei progetti del centro di Gussola sta per essere realizzato, grazie anche alla conviviale che si è tenuta giovedì sera in interclub dai Rotary Casalmaggiore Oglio Po e Piadena Oglio Chiese. Una cena frugale cui hanno partecipato circa 80 persone che ha consentito di raccogliere fondi, che verranno destinati alla realizzazione di una altalena per disabili. In questo modo il parco giochi dell’associazione, che spesso è frequentato da disabili, sarà ancora più inclusivo. L’altalena per disabili non è una semplice altalena, basti pensare che il disabile può salirvi senza aiuti esterni, e usarla senza lasciare la carrozzina. Per il resto, funziona come una vera e propria altalena. Può sembrare una cosa semplice, ma pensiamo alla bella sensazione di lasciarci andare che provavamo da ragazzi, e non solo.
Notizia integrale qui: http://www.oglioponews.it/2016/07/29/centro-natura-amica-in-altalena-in-carrozzina-con-rotary-casalmaggiore-oglio-po-e-piadena-oglio-chiese/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Accessible vs Inclusive - Accessibile vs Inclusivo (Mara Kaplan - 23/12/2013 )

The words Accessible and Inclusive have in many ways become synonymous with each other when describing playgrounds. I contend, however, that an accessible playground and an inclusive playground are in actuality very different. Let’s examine these two adjectives.
Using common dictionary definitions, accessible means: “easy to approach, reach, enter, speak with or use.” The synonyms include words such as: available, reachable, attainable, operative, open, unrestricted.
Inclusive is defined as: “all encompassing, all embracing” or “covering everything or everyone.” The listed synonyms are: broad, comprehensive, all together, global, sweeping, whole.

Le parole Accessibile e Inclusivo sono spesso utilizzate come sinonimi quando viene descritto un parco giochi. Io sostengo, però, che un parco giochi accessibile e un parco giochi inclusivo sono in realtà molto diversi. Esaminiamo questi due aggettivi.
La definizione di un comune dizionario per la parola accessibile è: "di facile approccio, raggiungibile, agibile, persona a cui si può giungere e parlare facilmente." I sinonimi includono parole come : disponibile, raggiungibile, realizzabile, avvicinabile, accostabile, agibile, praticabile.
Inclusivo  è definito come: "onnicomprensivo, che abbraccia tutti o tutto" o "che copre tutto, o tutti". I sinonimi elencati sono: ampio, completo, tutti insieme, globale, indiscriminato, intero.
Zahra Baker All Children's Playground in Hickory, NC
Notice that these two words don’t share any common definitions or synonyms with each other. They are, in fact, very different words. When we use them to describe playgrounds, we should be describing two different types of environments and conditions.
An accessible playground is one where everyone can get to and through the playground. Accessibility is about travel, movement, and approach or entry. So a playground that is accessible is one that is easy for a person who uses a mobility devise to maneuver to and around. The things I would expect to see in an accessible playground are:
- no barriers at the entrance or along pathways
- ramps that lead up to upper decks
- monkey bars lowered so that they are reachable
- swing seats that have backs and arms to make them usable for people who need support

An inclusive playground is one that has an aim to make it not only accessible, but to encourage and enable children to engage with one another. Ramps and accessible swing seats in of themselves do not lead to engagement. I believe that in order to be inclusive, a playground obviously needs to be accessible, but that an accessible playground is not always inclusive.

Si noti che queste due parole non hanno una definizione comune e non sono sinonimi. Esse sono, infatti, parole molto diverse. Quando le usiamo per descrivere parchi gioco, descriviamo due diversi tipi di ambienti e condizioni.
Un parco giochi accessibile è quello che tutti possono raggiungere e attraversare. L'accessibilità è riferita allo spostamento, avvicinamento, possibilità di entrare. Quindi, un parco giochi che è accessibile è facilmente percorribile da una persona che utilizza un dispositivo per la mobilità e che può quindi effettuare manovre e movimenti. Le cose che ci si aspetta di vedere in un parco giochi accessibile sono:
- no barriere all'entrata o lungo i viali
- rampe che portano fino ai livelli superiori
- barre per arrampicata ribassate in modo che siano raggiungibili
- dondoli che hanno schienali e braccioli per renderli utilizzabili per le persone che hanno bisogno di sostegno

Un parco inclusivo è un parco che mira ad essere non solo accessibile, ma incoraggia e consente ai bambini di coinvolgersi reciprocamente. Rampe e sedili girevoli accessibili in se stessi non conducono al coinvolgimento. Credo che, affinché sia definito inclusivo, un parco giochi ovviamente debba essere accessibile, ma un parco giochi accessibile non sempre è inclusivo.

In the Inclusive Play Design Guidemany different aspects of playgrounds are discussed, we have come up with eight keys to inclusion.
1. Include all different types of play. Make sure you have a mix of physical, sensory, and social activities.
2. Provide multiple challenge levels for each type of physical play.
3. Make sure if you’re using module structure, that there is something for children who do not slide or climb to do on each deck or level.
4. Locate comparable types of equipment in the same area; this will encourage similar play at various ability levels in close proximity.
5. Put activities into pods to make the playground more manageable.
6. Use unitary surfacing to make it easier for wheelchairs and strollers to enter and navigate.
7. Identify the piece of equipment that children will be most excited about and ensure that this play activity is accessible and usable for all.
8. Ensure that the travel routes around and through the playground and surrounding areas are wide enough for people and wheelchairs to pass.

Otto fattori chiave per rendere inclusivo un parco:
1. Includere tutti i diversi tipi di gioco. Assicurarsi di avere un mix di attività fisiche, sensoriali e sociali.
2. Fornire più livelli di sfida per ogni tipo di gioco fisico.
3. Assicurarsi, se si sta utilizzando la struttura del modulo, che ci sia qualcosa da fare su ogni ponte o livello per i bambini che non possono scivolare o arrampicarsi.
4. Collocare tipi comparabili di apparecchiature nella stessa zona; questo incoraggerà gioco simile a vari livelli di abilità nelle immediate vicinanze.
...
6. Utilizzare superfici uniformi per rendere più facile il transito di carrozzine e passeggini
7. Identificare l'attrezzatura che i bambini apprezzeranno di più e assicurare che questa attività di gioco sia accessibile e utilizzabile da tutti.
8. Assicurarsi che i percorsi intorno e attraverso le aree giochi e circostanti siano sufficientemente ampi per le persone in carrozzina
...

About Mara Kaplan
Mara Kaplan is the driving force behind Let Kids Play, a consulting firm working to ensure that all children have excellent play opportunities. She is an educator, a parent of a child with disabilities and a season advocate for inclusive play....

Notizia integrale qui: http://www.playgroundprofessionals.com/news/playgrounds/accessible-vs-inclusive112
Altro articolo di M. Kaplan qui: http://www.playgroundprofessionals.com/magazine/issues/2015/06/accessible-vs-inclusive106

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Sulmona: in arrivo l'altalena

12/07/16 Sulmona, (L'Aquila). Si punta a valorizzare il verde pubblico e i parchi gioco e favorire l’inclusione e l’integrazione sociale. Con questo obiettivo nei prossimi giorni sarà installata nel Parco Fluviale Augusto Daolio un’altalena per disabili.


Notizia integrale qui: http://www.ondatv.tv/cultura/piu-attenzione-ai-parchi-gioco-salvati-presto-altalena-per-disabili-al-daolio/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Ancona, bilancio partecipato: selezionate sei proposte da realizzare entro il 2017

Ancona, circa 100 cittadini hanno accettato di partecipare al percorso di condivisione e costruzione delle scelte di bilancio. Dopo aver fatto formazione sui meccanismi che presiedono il bilancio e su come un Comune decide di allocare le sue risorse, il gruppo ha selezionato 6 delle oltre 90 proposte che venivano dalla città.
Con i volontari del BP gli uffici comunali che si occupano della Mobilità svilupperanno i tre progetti di ciclabile, l'ufficio Verde concretizzerà in quali parchi installare giochi per bambini con disabilità, l'ufficio Lavori Pubblici definirà gli interventi di rimozione delle barriere architettoniche da realizzare. Infine, l'ufficio Turismo studierà iniziative di promozione della città. Ciascun progetto deve rientrare all'interno di un costo massimo di 100.000 euro
Il logo del bilancio partecipato è stato realizzato dalla studentessa Elena Rebechini
Progetto 29: Aree gioco per bambini con disabilità nei parchi comunali: integrare giardini o parchi pubblici della città con i seguenti giochi accessibili per bambini disabili: - altalena per disabili in carrozzina e altalena dotata di seggiolino specifico per piccoli disabili; - giostra accessibile alle carrozzine, utilizzabile da tutti i bambini. Da tener conto che i giochi suddetti non devono essere posizionati su prato, ghiaia o sabbia e che il percorso deve essere altrettanto accessibile quanto il gioco. L'ideale sarebbe la realizzazione in un prossimo futuro di un parco inclusivo con giochi utilizzabili da tutti i bambini, tenendo presente che non esiste un bambino con disabilità uguale ad un altro (motoria, sensoriale, ecc.)
I giochi accessibili permettono di creare aree ludiche per il gioco di tutti i bambini, senza separazioni e senza barriere, per una corretta inclusione dei bambini con particolari esigenze, affetti da disabilità o problematiche motorie. COSTI STIMATI: 45.000€ per un parco completo.
Notizia integrale qui: http://www.vivereancona.it/2016/07/30/bilancio-partecipato-selezionate-sei-proposte-da-realizzare-entro-il-2017/600531/
Comunicato stampa del Comune: http://www.comune.ancona.gov.it/ankonline/conferenza-stampa-29-luglio-2016-bilancio-partecipato-dalle-proposte-ai-progetti/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

venerdì 29 luglio 2016

Bolzano, giochi e attrezzature idonee anche a bambini con varie disabilità.

Sono terminati i lavori di realizzazione del campo giochi a parco Petrarca, (vicino al bar "Orso Pippo"), per creare un'area giochi cosiddetta "inclusiva" avvero accessibile a tutti. La pavimentazione dell'area è gomma per potervi accedere facilmente anche con carrozzine. Tutte le attrezzature sono adatte anche a bambini con varie disabilità. Realizzato un percorso di riabilitazione motoria con corrimano in acciaio di altezza e dimensioni adatte ai più piccoli, il tutto concordato con esperti dei centri di riabilitazione che potranno utilizzare la struttura per fare esercizi con i bambini all'aperto, anziché restare chiusi in una struttura.
Il nuovo parco sarà ufficialmente presentato e inaugurato ad inizio settembre.
Notizia integrale qui: http://www.comune.bolzano.it/stampa_context.jsp?ID_LINK=426&area=295&id_context=29345&COL0008=96

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

giovedì 28 luglio 2016

Giocare è utile come bere e mangiare

Già nel 2007 l'American Academy of Pedriatrics aveva sottolineato nelle sue linee guida per i pediatri, l'importanza dell'attività ludica: veniva sottolineato il valore del gioco libero come un alleato essenziale per la salute e il benessere dell'infanzia. La prestigiosa accademia ricordava inoltre, che il gioco è così importante per lo sviluppo ottimale dei più piccoli da essere riconosciuto dalle Nazioni Unite come un diritto fondamentale di ogni bimbo.
Una forma di gioco molto importante dal punto di vista psicologico è il gioco simbolico o di finzione, quello del “facciamo finta che…” : questa attività insegnano al bambino ad “autoregolarsi” dal punto di vista cognitivo attraverso l’avvicinamento empatico ad altri punti di vista, differenti da quello abitale. In questi giochi di finzione, il bambino segue inizialmente un impulso puramente imitativo, che lo aiuta a varcare i limiti dell'infanzia, per proiettarsi nel mondo degli adulti, ed impersonarne i ruoli.

Notizia integrale qui: http://www.riza.it/figli-felici/crescita-e-sviluppo/5477/giocare-e-utile-come-bere-e-mangiare.html

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

L’importanza del gioco nel bambino

Il gioco è un bisogno vitale del bambino e accompagna ogni stadio di sviluppo della sua personalità, stabilendo un ponte tra la realtà e l’immaginazione. Tramite il gioco il bambino esprime tutte le sue potenzialità affettive, intellettive e relazionali sviluppando così la personalità nella sua completezza.
Il tempo che un bambino dedica al gioco non è “tempo perso”, come ritengono spesso gli adulti, perché gli serve per conoscere meglio se stesso e per scoprire la realtà esterna, interagendo col mondo in modo diverso in rapporto alla sua età, al suo temperamento e al grado di maturità cognitiva raggiunto.
Il gioco libero è di fondamentale importanza in quanto il bambino può essere un protagonista attivo esprimendo creatività, libertà e fantasia, ed è altrettanto importante che i genitori giochino con lui, perché fra i ricordi indelebili dell’infanzia, nella vita di un individuo, c’è sempre la partecipazione e condivisione del gioco con il papà o la mamma, associato ad un vissuto di gioia, piacere e divertimento.
Dott.ssa Maddalena Spingola

Notizia integrale qui: http://www.vivereacagliari.com/limportanza-del-gioco-nel-bambino/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Più tempo libero per i nostri figli!

Peter Gray, autore del libro Lasciateli giocare, scrive: “Privare i bambini del diritto al gioco libero e all’aria aperta è sbagliato. Sia a casa che al giardino, i bambini non dovrebbero essere vigilati da vicino né indotti a partecipare (sempre) ad attività rigidamente organizzate”. Il gioco libero all’aria aperta offre benefici fondamentali: permette di sviluppare gli interessi personali e la propria identità, mette i bambini di fronte a decisioni e problemi da affrontare in autonomia; insegna a gestire le emozioni e li aiuta a fare amicizia. Ma, la cosa più importante, il gioco è fonte di felicità.

Notizia integrale qui: https://www.giovanigenitori.it/blog/piu-tempo-libero-nostri-figli/29917/
Rivista Giovani Genitori numero di luglio-agosto 2016: https://issuu.com/giovanigenitori/docs/gg_luglio_agosto_milano_2016

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

mercoledì 27 luglio 2016

Cirò Marina presentazione progetto

Cirò Marina, (Crotone). Verrà presentata giovedì 28 luglio alle 19:00, presso la sala consiliare del comune di Cirò Marina, l’idea progettuale che prevede la realizzazione del Parco Giochi Inclusivo, un’area priva di barriere architettoniche, accessibile a tutti i bambini, disabili e non. Il progettista di questa iniziativa, nata dall’associazione “Il Volo della Speranza”, è Claudio Arcuri. “Siamo un’associazione di volontariato che ha come obiettivo l’integrazione dei soggetti con disabilità, e famiglie, nel contesto cittadino; la promozione di una cultura della diversità in quanto cultura dell’uguaglianza e la creazione di una rete di collaborazione tra le associazioni presenti sul territorio” spiega la referente dell’associazione Pina Pirito.
Notizia integrale qui: http://www.ilcirotano.it/2016/07/26/parco-giochi-inclusivo-a-ciro-marina-associazione-illustra-progetto-in-comune/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

martedì 26 luglio 2016

CosmoBike Mobility | Programma mercoledì 14 settembre | La città dei Bambini

Al CosmoBike Mobility di Verona il 14 settembre si parlerà anche di spazio gioco e accessibilità.
Interventi in programma dalle ore 14:30 alle ore 15:30. Speaker:
Pierre Serne, President Club des villes et territoires cyclables, France
Paola Stolfa, Assessore alla Mobilità del Comune di Fano
Pinar Pinzuti, Bisikletizm, Izmir, Turchia
Claudia Protti, Cerpa/Criba, Vivere il parco giochi

Lo spazio pubblico urbano, sia esso costruito o verde, è ciò che fa la qualità delle nostre città. Il suo essere sicuro, inclusivo e accessibile per tutte le persone – quale che sia il loro sesso, età, condizione fisica, stato socio-economico, cultura e religione – è ciò che rende la città sostenibile (Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile).
Le aree gioco e i parchi devono pertanto essere anch’esse accessibili a persone di ogni età e con qualsiasi livello di abilità fisica. Il diritto dei bambini al riposo e al tempo libero, al gioco e alle attività ricreative è sancito dalla Convenzione sui Diritti dell’Infanzia dell’ONU. E i bambini con disabilità fisiche o mentali hanno il diritto di partecipare attivamente alla vita della comunità.
Considerare la diversità, che sia fisica o culturale, all’interno del progetto non solo permette al maggior numero possibile di utenti di poter partecipare alle attività all’interno dello spazio pubblico, ma può migliorare le condizioni di fruizione dello spazio per tutte le persone. In altri termini, “va preso atto che lo spazio pubblico urbano rappresenta una categoria chiave per la costruzione della città sostenibile in quanto capace di mobilitare contemporaneamente le dimensioni della qualità ambientale, della coesione sociale e delle prestazioni economiche di un insediamento umano” (cit. Silvia Macchi).

Notizia integrale qui: http://www.cosmobikemobility.com/cosmobike-mobility-programma-mercoledi-14-settembre/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

lunedì 25 luglio 2016

Bergamo - Parco Suardi

Buongiorno amici, ci è stato segnalato questo parco a Bergamo in cui sono installati giochi accessibili anche a bambini con disabilità motoria! Si tratta del parco Suardi situato in via San Giovanni, (e via Cesare Battisti). Il parco è aperto secondo i seguenti orari: primavera/estate 7,00 - 22,00 (dal 01/04 al 31/10) e autunno/inverno (dal 01/11 al 31/03) 7,00 - 19,00.


Il parco è stato riqualificato nella primavera del 2012 e i lavori hanno compreso l'installazione di giochi nuovi adatti a bambini di tutte le età e ai portatori di handicap, realizzazione di un'area giochi per i più piccoli e una per i più grandi, pulizia del laghetto, sistemazione dell'illuminazione, collocamento di panchine e riqualificazione del verde.
Notizia integrale qui: http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/288320_finiti_i_lavori_al_parco_suardi_pi_verde_maggiore_sicurezza/.


Se siete curiosi, sul sito del Comune di Bergamo potete trovare anche alcuni cenni storici su questo parco: negli anni 1843/94 l'area del parco era considerata presso il catasto austriaco "prato adacquatorio" e "ortaglia adacquatorio".
Nel 1949 il Comune di Bergamo propose al Conte Guidino Suardi l'acquisto di una parte del giardino annesso alla sua proprietà in via Pignolo n° 65 con lo scopo di adibirlo ad uso pubblico. La proposta venne accettata dal conte, il quale si rese disponibile ad offrire al Comune di Bergamo un'area di 22.443 mq. Venne pertanto costituito il Parco Suardi, il primo parco comunale e per questo di considerevole interesse. Continua a leggere qui:  Parco Suardi

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Bergamo - Parco Goisis

Buongiorno amici, ci è stato segnalato questo parco a Bergamo in cui sono installati giochi accessibili anche a bambini con disabilità motoria! Si tratta del parco Goisis situato in viale Giulio Cesare. Il parco è aperto secondo i seguenti orari: primavera/estate 7,00 - 21,00 (dal 01/04 al 31/10) e autunno/inverno (dal 01/11 al 31/03) 7,00 - 19,00.



Nel parco sono presenti anche altri giochi non accessibili. Un bel video che mostra il parco qui sotto.


Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Bergamo, altalene accessibili a bambini con disabilità

Bergamo - Presso Parco della Trucca, (Via Martin Luter King), altalena con seggiolino dotato di schienale.

Bergamo - Presso Parco di Loreto Beata Cittadini, (Via Broseta), altalena con seggiolino dotato di schienale e altalena a cestone.

Bergamo - Presso il Giardino delle Clarisse (ex Pollack–Gasparini) Via Pollack – Via Lunga e Giardino La Crotta in località Città Alta - Cittadella sono presenti altalene a cestone



Bergamo - Presso Parco Goisis, (viale Giulio Cesare), altalena a cestone e struttura gioco con rampa.


Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

domenica 24 luglio 2016

Seregno: in arrivo un nuovo gioco

21/07/16 Seregno. Proseguono al parco "Caduti di Nassiriya" di via Parini i lavori per l'installazione di un nuovo gioco dedicato ai più piccoli, con due torri, scivoli, corde, rampe, ponti mobili, specchio deformante. E, in più, con un percorso in totale sicurezza per bambini diversamente abili.
Una struttura che nasce sulle ceneri del rogo che lo scorso novembre aveva distrutto l’area giochi posizionata nel settembre del 2008.
"Un atto vandalico vigliacco, senza senso - dichiara il sindaco Edoardo Mazza -. Ma non ci possiamo permettere di far vincere i vandali. Tra qualche giorno nella stessa area ci sarà un nuovo gioco, ancora più bello, per i nostri bambini".
Notizia integrale qui: http://quibrianza.it/cronaca/seregno/al-parco-caduti-di-nassiriya-dopo-i-vandalismi-arrivano-i-giochi-anche-per-bambini-disabili.html

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Altalena per carrozzine recintata & "giocare insieme"

23/07/16 Macerata - Una nuova altalena per bambini con disabilità motorie da oggi arricchisce il parco giochi dei giardini Diaz, si tratta di un dono fatto al Comune di Macerata dal Rotary Club Macerata. 
La nuova altalena è raggiungibile dall’accesso posteriore dei giardini Diaz (casa del custode), attraverso un percorso piastrellato che agevola l’entrata nell’anello interno in piano. Il gioco è omologato per la fruizione di disabili in carrozzina e l'area gioco è stata delimitata da una staccionata in legno trattato raggiungibile mediante un’apertura con cancelletto.
“Un parco dotato di giochi accessibili – ha detto l'assessore alle Politiche sociali, Marika Marcolini - costituisce un’importante risorsa per una città accogliente e inclusiva perché giocando insieme sarà più semplice conoscersi ed apprezzarsi nelle proprie diversità. Grazie al Rotary per aver reso possibile questo ulteriore passo verso l'inclusione rendendo i giardini Diaz un luogo fondamentale di aggregazione e socializzazione che coinvolgerà tutti i bambini, con e senza disabilità, garantendo a tutti il diritto al gioco”.

Notizia integrale qui: http://www.comune.macerata.it/news/2016/ai-giardini-diaz-c2019e-una-nuova-altalena-per-i-bambini-con-disabilita-motorie
Fotografie sulla pagina facebook del Comune di Macerata: https://www.facebook.com/comunedimacerata/posts/1249898565041021

Noi ci domandiamo seriamente come possa un'altalena per carrozzine, installata in uno spazio recintato, rendere inclusivo un parco e permettere ai bambini di giocare insieme...
Ben vengano le altalene di questo tipo installate in un luogo delimitato da recinzione, (visto che possono essere molto pericolose), ma non possiamo dire che si tratti di un gioco che crea inclusione o che permette ai bambini di conoscersi e giocare insieme!
Questo gioco, lo ricordiamo per l'ennesima volta, è riservato esclusivamente a bambini che usano la carrozzina e in questo caso lo utilizzeranno in uno spazio chiuso. Come possono incontrare altri bambini, conoscerli e giocare con loro se non esistono altri giochi fruibili a tutti nel parco?
Diritto al gioco per tutti? E i bambini con disabilità motoria lieve che non usano la carrozzina? Restano a guardare? 
Il diritto al gioco viene garantito quando realizziamo un parco giochi inclusivo dove veramente si creano occasioni di aggregazione e socializzazione. Installare un'altalena per carrozzine significa dare la possibilità a bambini che usano la carrozzina di dondolare. Non permette loro di scivolare, ruotare, oscillare, "correre veloci", giocare a "fare finta di", ... Insomma non esiste solamente l'altalena, magari ad alcuni bambini non piace neppure! Ci sono bambini che amano scivolare o ruotare... Diritto al gioco sì, ma per tutti, e anche diritto a scegliere quale gioco utilizzare!

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Emozioni e importanza del parco giochi inclusivo

24/07/2016. Il racconto di Raffaella, online dal 3 maggio 2016, (da circa 3 mesi), ha raggiunto 6.457 visualizzazioni conquistando il titolo di secondo post più letto da sempre, (da quando è online il blog ovvero marzo 2014).
Resta al primo posto, per ovvi motivi, il post Chi vende giochi inclusivi?
Siamo molto contente di questo risultato, non tanto per i numeri raggiunti, (il nostro è un piccolo blog di nicchia che tratta un argomento poco conosciuto e non raggiungerà mai numeri importanti), quanto per le informazioni che il post in questione trasmette attraverso le emozioni. 
Possiamo scriverlo una, due, dieci, cento o mille volte che i parchi giochi inclusivi sono importanti, sono luoghi che permettono anche a bambini con disabilità di giocare, che il gioco è importante per un sano sviluppo e per l'apprendimento di alcuni doti molto utili da adulti ma resterà sempre teoria. Il racconto di Raffaella invece, un semplice resoconto di un pomeriggio trascorso al parco, regala emozioni e la dimostrazione pratica che un bambino trae grande giovamento quando può recarsi in un parco dove riesce a muoversi in autonomia e può interagire con altri bambini!
Se non lo avete già letto, leggetelo ora il racconto di Raffaella, è breve e vi "ruberà" solamente una manciata di minuti.
Ricordate che non tutte le mamme possono andare al parco, chi ha un bambino con disabilità motoria spesso evita il parco giochi proprio perché sa che non offre giochi al proprio bambino. Non tutte le mamma la sera possono raccontare al marito o a un'amica quali giochi ha fatto il proprio figlio al parco nel pomeriggio.
Ecco perché è importante questo post, perché spiega attraverso un semplice racconto che non tutti i bambini hanno gli stessi diritti. Come cittadini abbiamo il dovere di assicurarci che tutti i bambini possano giocare al parco come Cristian. Non parliamo di un'altalena, (perché un bambino in carrozzina dovrebbe limitarsi a dondolare su una pedana da solo?), ma di un vero e proprio parco giochi inclusivo dove un bambino può vivere svariate esperienze di gioco!

Samuele, Cristian e altri bimbi che giocano insieme nell'area giochi inclusiva di Rimini


#parcoinclusivo #disabilità #inclusione #dirittibambini #dirittoalgioco #Rimini #emozioni #inclusiveplayground

Il racconto di Raffaella: http://parchipertutti.blogspot.it/2016/05/gita-al-parco-giochi-inclusivo-di-rimini.html

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

sabato 23 luglio 2016

Nardò: il Comune e Attiva Energia per il diritto al gioco

Sabato 23 luglio alle ore 19.00, Santa Caterina di Nardò, cerimonia di consegna di un nuovo Parco Giochi Inclusivo alla Città. Grazie agli attenti Amministratori del comune e alla sensibilità di un azienda privata, Attiva Spa, è stato realizzato un parco giochi attrezzato nel territorio di Nardò. L’intervento ha riguardato la riqualificazione dell’area, con l’inserimento di nuovi giochi, la posa e la realizzazione di una staccionata.
“Lo scopo dell’iniziativa – spiega Federica Scorza, responsabile relazioni esterne di Attiva Spa – è stato quello di creare uno spazio gioco ideale per favorire la cultura dell’aggregazione, della condivisione e del rispetto per gli altri.”
“Avviare la propria attività da Sindaco con l’inaugurazione di un parco giochi in una città come Nardò mi rende particolarmente felice – ha detto il sindaco Mellone – questo rappresenta un parco inclusivo, grazie all’impegno di Sebastiano Francone, degli attivisti M5S e dell’iniziativa “…e mi sembra di volare”. Un parco dove tutti i bambini potranno giocare assieme, grazie a giochi accessibili.”.
Notizia integrale qui: http://www.culturiachannel.it/nardoil-comune-attiva-energia-diritto-al-gioco-sabato-23-luglio-alle-ore-19-00-santa-caterina-nardo-cerimonia-consegna-un-parco-giochi-inclusivo-alla-citta/
Altro articolo qui: http://www.piazzasalento.it/nardo-a-s-caterina-azienda-privata-regala-un-parco-giochi-sicuro-65542

Noi attendiamo le immagini del parco prima di esprimere la nostra felicità per la nascita di un nuovo parco inclusivo perché, osservando l'immagine dell'articolo sul sito Culturia Channel di giochi accessibili, altalena per carrozzine a parte, non ne vediamo...

Aggiornamento 26/07/16: ecco le immagini del parco inaugurato, di giochi accessibili, purtroppo, ce ne sono ben pochi...
Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Nardò, Pippi Mellone:“Questo rappresenta un parco inclusivo, un parco dove tutti i bambini potranno giocare assieme, grazie a giochi accessibili.”. 
Notizia integrale qui: http://www.trnews.it/2016/07/25/giocare-in-sicurezza-a-santa-caterina-un-parco-attrezzato-a-misura-di-bambino/123152473/


Evidentemente la parola "inclusivo" ha molteplici significati così come la parola "accessibile". Ci piacerebbe sapere come un bimbo che usa la carrozzina o un bimbo con disabilità motoria lieve/media possa salire sullo scivolo o sull'altalena a tavoletta... Sempre tenendo a mente che l'altalena per carrozzine è riservata solo a utenti che usano la carrozzina e non altri bambini con disabilità.

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

venerdì 22 luglio 2016

Cittadeilibri torna a Mola di Bari: per due giorni si parlerà di accoglienza e integrazione

I bambini avranno la possibilità di confrontarsi con la diversa abilità, con una diversa origine e diversa religione.
Cittadeilibri, il family festival di www.cittadeibimbi.it, il portale di informazione tematica per scuole e famiglie diretto dalla giornalista Elisa Forte, torna a Mola di Bari per la terza tappa dell’estate 2016. E torna con un tema che sottolinea la vocazione geografica della cittadina a sud di Bari: “L’accoglienza, l’altro”.
Si inizia alle 18.30 di sabato 23 luglio con “Una giornata con Lina”, di Manuela De Gioia, per Di Marsico Libri. La storia di Lina una piccola giraffa che scoprirà come le differenze possono essere una ricchezza per l’altro da noi.
Alle 18.50 incontreremo il presidente ARCI Bari, Luca Basso, che racconterà “Il gorilla albino” di Italo Calvino a dimostrazione di come proprio le forme “non amate” custodiscono nell’animo tesori pronti ad essere scoperti.
Alle 19.10 una grande esclusiva Cittadeilibri per Mola di Bari: le “Lezioni di arabo” a cura del professore Ehab El Shaer, in collaborazione con la comunità islamica italiana pugliese.
Parlerà invece di inclusione, attraverso la favola de Il brutto anatroccolo di Hans Christian Andersen, alle 19.30 l’Associazione culturale L’Altra via che qualche giorno fa a Triggiano ha inaugurato il parco giochi inclusivo Bimbiland.

Notizia integrale qui: http://www.ilikepuglia.it/notizie/cultura-e-spettacoli/bari/22/07/2016/cittadeilibri-torna-a-mola-di-bari-per-due-giorni-si-parlera-di-accoglienza-e-integrazione.html

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Imparare dai successi altrui

Una realtà comunale che dista pochi chilometri da Casamassima è appena salita alle luci della ribalta perché, domenica scorsa, ha inaugurato Bimbiland, il primo parco giochi inclusivo presente sul tacco pugliese. Una gran bella vetrina per Triggiano e tanta gioia per tutti quei bambini che finalmente godranno i privilegi che una simile struttura può donare loro.

Notizia integrale qui: http://www.casamassimaweb.it/attualita/5548-triggiano-ha-inaugurato-il-parco-giochi-inclusivo-bimbiland-dovremmo-imparare-dai-successi-altrui.html

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

giovedì 21 luglio 2016

Colognola ai Colli, altalena

Colognola ai Colli (Verona). L’abbattimento graduale di tutte le barriere architettoniche del paese è una delle priorità del programma della nuova amministrazione di Colognola, ribadita nel corso del primo Consiglio comunale.
Una delle prime azioni del sindaco Claudio Carcereri de Prati è andata proprio in questa direzione, partendo dalle necessità dei più piccoli: i bambini disabili in carrozzina. Ora al parco giochi San Marco, che sorge a Villaggio, in via Colombo, potranno anch’essi salire in altalena.
Notizia integrale qui: http://www.larena.it/territori/est/al-parco-giochisi-va-sull-altalenaanche-in-carrozzina-1.5013734

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

mercoledì 20 luglio 2016

Comune di Schio e Banca Alto Vicentino insieme per il parco inclusivo

20/07/2016. È stata firmata ieri dal Sindaco Comune di Schio, Valter Orsi, e dal Presidente di Banca Alto Vicentino, Domenico Drago, la convenzione che porterà alla realizzazione del primo parco giochi comunale inclusivo, un parco dedicato a tutti i bambini.
I parchi inclusivi sono luoghi dove tutti i bambini possono giocare insieme e socializzare. Parchi privi di barriere architettoniche, dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Il diritto al gioco è, infatti, un diritto fondamentale di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti e bambini con disabilità motoria lieve: tutti i bambini a prescindere dalla loro abilità.
Il progetto, dal significativo titolo “Tutti al Parco”, nasce dalla proposta fatta al Comune da Banca Alto Vicentino, da sempre fortemente impegnata sul territorio, che lo finanzia con 100.000 euro. Il parco sarà realizzato entro il 2017 nel terreno di proprietà comunale di Via Pio X, posto sul retro della sede centrale della Banca stessa. La progettazione, che è già cominciata, è frutto di un percorso partecipato tra Banca Alto Vicentino, Comune di Schio e Commissione Città Senza Barriere che si accorderanno anche per la scelta dei giochi da installare e che, naturalmente, dovranno rispettare le norme in vigore.
Il progetto sarà definito anche in seguito ai sopralluoghi che il Gruppo di progetto sta eseguendo in altre realtà d'Italia, come il parco giochi inclusivo di Rimini.
In particolare i 100.000 euro di Banca Alto Vicentino sono destinati all'acquisto dei giochi e alla loro installazione. Il Comune di Schio realizzerà il parco con percorsi e aree verdi e predisporrà le piattaforme o quanto serve per la posa dei giochi. Il progetto sarà inserito nel Piano delle Opere 2017 e l'investimento a carico del Comune sarà di circa 100.000 euro.
A carico del Comune anche la futura manutenzione ordinaria e straordinaria del parco, giochi compresi.
Grande soddisfazione è stata espressa da tutti i soggetti coinvolti nell'importante iniziativa.

Da parte nostra, Claudia e Raffaella, un grande grazie al Comune di Schio e alla Banca Alto Vicentino per l'impegno verso i bambini di Schio!

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Bari, nuova altalena quartiere Madonnina

Bari, sull'altalena di piazza Diaz ora si sale anche in carrozzina. "Perché l'inclusione s'impara dalla tenera età": è la convinzione del Comune di Bari, che ha ormai stabilito di realizzare le nuove aree giochi rigorosamente accessibili a tutti. 
Un taglio del nastro reso possibile dalla donazione del Rotary Club Bari Sud. "La consegna di queste giostrine servirà a donare occasioni di gioco e svago anche a quei bambini che hanno difficoltà motorie o diverse abilità - il commento della presidente del I municipio Micaela Paparella - perché per un'amministrazione pubblica i bambini sono tutti uguali e devono poter giocare tutti insieme". 
Notizia integrale qui: http://bari.repubblica.it/cronaca/2016/07/19/news/giostrine_disabili_carrozzella_piazza_diaz_bari-144442951/

Purtroppo, nonostante questo gioco permetta a chi, come spesso dichiarano i giornalisti, "è costretto in carrozzina" di dondolare, non è un gioco che crea molta inclusione... Per noi nessuno è costretto in carrozzina, anzi: grazie alla carrozzina può muoversi! Uscire di casa, andare a far spesa, al cinema, in vacanza e al parco giochi! Però bisogna ricordarsi che le disabilità sono davvero tante e molto varie e questo gioco non va bene per tutti: questo tipo di altalena può essere utilizzato esclusivamente da utenti in carrozzina, (da nessun altro), e purtroppo è anche parecchio pericoloso.
Lanciamo quindi un appello al Comune di Bari e a tutti i Sindaci delle città che, installando un'altalena per carrozzine credono fermamente che i bambini siano tutti uguali e debbano giocare insieme: scegliete di realizzare un parco inclusivo! Magari anche piccino, e installate in questo parco anche l'altalena per carrozzine, ma... NON DIMENTICATEVI DEGLI ALTRI BAMBINI! Ci sono bambini con difficoltà motorie che possono raggiungere la cima dello scivolo se i gradini sono ampi e bassi ed esiste un corrimano, ci sono bambini che possono lasciare la carrozzina e sedersi su un sedile per altalena dotato di schienale e protezioni laterali, ci sono bambini a cui non piace l'altalena...
Perché TUTTI i bambini possano far valere il loro DIRITTO AL GIOCO dobbiamo installare giochi per tutti e non una sola altalena riservata a bambini che usano la carrozzina.
Una sfida grande, importante, che in tante città è stata vinta grazie all'impegno dei cittadini :-)

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

martedì 19 luglio 2016

Playground around the corner a Riva del Garda

A pochi passi dal borgo di Riva del Garda, (Trento), c'è un parco giochi coloratissimo, accessibile anche a bambini disabili e con vista non solo sul lago di Garda, ma anche sulle splendide montagne, che a Riva entrano nelle placide acque del lago.
Ringraziamo tantissimo Mary del blog Playground Around The Corner per i suoi splendidi racconti e per averci inviato le immagini che potete vedere qui sotto.
Playground Around The Corner è il blog di una mamma che ama viaggiare e in ogni città si ferma a far giocare i suoi bimbi al parco tra una visita al Museo o a un monumento. Nel suo blog troverete racconti di viaggi in tantissime città italiane ed estere e naturalmente tantissime immagini di parchi gioco di ogni tipo, compresi quelli inclusivi, (che purtroppo sono pochi perché in Italia ancora non esistono tanti). Tanti viaggi e tanti parchi perché, come dice Mary: "viaggiare con bambini non significa necessariamente trascorrere giornate in grandi parchi divertimenti o ricorrere a strutture con mini club, spesso la soluzione è dietro l’angolo, basta conoscerla"
Proprio per aiutare altri genitori a scoprire i parchi giochi cittadini dove portare i bambini in occasione di un viaggio è nata la App Playground Around The Corner che vi permette non solo di individuare il parco giochi più vicino a voi e visualizzare informazioni come i servizi offerti, eventuali orari di apertura, ma anche di segnalare voi stessi il parco che avete trovato dietro l'angolo!
Il racconto di Mary sulle vacanze al lago potete leggerlo cliccando qui: Vacanze al lago con bambini: ad ogni lago il suo parco giochi.
Buona lettura, buoni viaggi e buona scoperta dei parchi giochi!

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Nuova altalena ad Acquaviva

Acquaviva, (Bari). Si è svolta domenica 17 luglio 2016 l’inaugurazione dell'altalena pensata per i diversamente abili. In Piazza Garibaldi ora, tra le varie giostre per i bambini, c'è anche qualcosa che potrà fare divertire pure chi è costretto su una sedia a rotelle. Accanto all’altalena, un cartello indica chi può salirci e le modalità di utilizzo. 
Notizia integrale qui: http://www.acquavivalive.it/news/Attualita/435727/news.aspx

E con questa installazione salgono a 190 le altalene di questo tipo in Italia. Tantissime se paragonate al numero di parchi giochi inclusivi, che sono poco meno di 40. Ogni volta che leggiamo la notizia di una nuova altalena per carrozzine ci chiediamo cosa possa provare un bambino con una disabilità motoria lieve, ad esempio, che recandosi al parco si rende conto che sui giochi classici non riesce a salire e su questa altalena non può salire, (ricordiamo che l'uso è riservato esclusivamente a utenti in carrozzina). Dovremmo iniziare a pensare più in grande, a prendere in considerazione giochi adatti a tutti i bambini, questi giochi esistono e anche se comprendiamo che acquistare una struttura gioco richiede un investimento ben maggiore rispetto all'altalena per carrozzine, crediamo fermamente che tutti i bambini hanno diritto al gioco e le Amministrazioni Comunali dovrebbero assicurarsi che questo diritto non venga meno.

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

lunedì 18 luglio 2016

Parco libera tutti - Rione Soccorso

Parco libera tutti, aiuta anche tu le mamme di Rione Soccorso a raccogliere fondi per la creazione del primo parco totalmente inclusivo dell'Umbria.
IBAN: IT64 A057 0438 3500 0000 0138 800
Per informazioni: https://www.facebook.com/groups/1043293592408372/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

domenica 17 luglio 2016

Disabile non può giocare, causa alla scuola

Travacò Siccomario, (Pavia). La scorsa primavera nel giardino della scuola elementare Mezzadra sono spuntati tre giochi per gli alunni acquistati grazie a una raccolta fondi portata avanti dalla Pro loco e caldeggiata dalle famiglie. I bambini hanno accolto i giochi con piacere, tutti possono usarli, tranne un bambino con disabilità motoria che gli impedisce di camminare bene e quindi di salire la scaletta a pioli del modulo gioco torretta con scivolo. Da quei giochi, dunque, è escluso. La famiglia del bambino si è rivolta a un legale che ha presentato in tribunale un ricorso per «comportamento discriminatorio» che tira in ballo il Comune di Travacò e il Ministero dell’Istruzione.
La famiglia del bambino si era attivata, nell’autunno 2015, quando venne a sapere che a scuola sarebbero state installate tre strutture ludiche per bambini. Il padre scrisse subito alla scuola, chiedendo che «i tre giochi prima di essere montati fossero adattati affinché nessun bambino restasse escluso». Il Comune rispose assicurando che le strutture «avrebbero avuto accessi facilitati per permetterne la fruibilità a tutti i bambini». Ma il 15 aprile 2016, quando le strutture furono montate, i genitori scoprirono che non era stata apportata alcuna modifica. Solo a questo punto, dopo uno scambio di mail, i genitori si sono rivolti a un avvocato.
Notizia integrale qui: http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2016/07/12/news/disabile-non-puo-giocare-causa-alla-scuola-1.13809043
Un altro articolo qui: http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2016/07/12/news/cosi-nostro-figlio-e-discriminato-1.13808698
Articolo e commenti sulla pagina facebook La provincia pavese: https://www.facebook.com/laprovinciapavese/posts/10153769409301958

Il comportamento di chi ha deciso, nonostante la segnalazione dei genitori, di installare questo gioco nel giardino della scuola, è tristissimo. Esistono giochi utilizzabili contemporaneamente da bambini "normodotati" e bambini con disabilità! Ad esempio un gioco con gradini larghi e bassi e corrimano che permette a un bimbo di salire appoggiandosi o gattonando fino alla cima! E nessuno dice di togliere la scaletta a pioli, lo scivolo potrebbe avere due accessi: uno facilitato e uno classico. Sono giochi che esistono da anni e anni e andrebbero presi in considerazione perché i bambini hanno tutti gli stessi diritti!
Aggiungiamo anche che si tratta di un "prodotto idoneo per parchi gioco residenziali e certificato secondo le EN 71 per uso privato".

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.