Questo blog nasce per sensibilizzare tutti sul diritto al gioco dei bambini con disabilità e per far conoscere i "parchi giochi inclusivi". Di cosa si tratta? Di parchi dove tutti i bambini possono giocare insieme. Parchi privi di barriere architettoniche, parchi dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti, bambini con disabilità motoria lieve e bambini che amano saltare come grilli. In questi parchi ci sono strutture gioco, (castelli, navi, torri...), con rampe al posto delle scale, i pannelli sensoriali sono posizionati ad altezza tale che possano essere utilizzati anche da chi sta seduto così come le sabbiere o le piste per biglie e/o automobiline. Parchi con tunnel giganti il cui accesso è possibile anche alle carrozzine, giostre girevoli che possono essere utilizzate da tutti. Questi sono i giochi che piacciono a noi. Per quanto riguarda l'altalena per carrozzine abbiamo scritto alcune riflessioni, (potete leggerle: qui e qui). Non siamo contrarie all'installazione di questo gioco nei parchi, (nei parchi gioco insieme ad altre strutture pensate per tutti i bambini), mentre abbiamo grossi dubbi sulla sua reale utilità quando viene installata in un prato, in un luogo isolato da qualsiasi altro gioco. Questa altalena ultimamente è diventata “simbolo” di una città sensibile ai bisogni dei bambini e ragazzi con disabilità. E le persone con disabilità motoria lieve? E gli ipovedenti o ciechi? Scegliere un gioco che può essere utilizzato solo da alcuni bambini con disabilità, ed escludere tutti gli altri, non è una scelta felice. Ci piacerebbe che i privati, le associazioni e le amministrazioni comunali puntassero più in alto ovvero scegliessero giochi per tutti, giochi che permettono ai bambini di socializzare e giocare insieme. Se volete vedere le immagini dell'area giochi inclusiva di Rimini le trovate qui: Tutti a bordo!

domenica 5 marzo 2017

Allenamente... Una città per tutti!

Cecina (Livorno), 20/01/2016. Un progetto da 7 milioni e 800 mila euro per proiettare il villaggio scolastico nel futuro. Il bando europeo Piu prevede che il Comune partecipi con un contributo minimo del 20 per cento, Cecina è arrivata al 25 ed è pronta a metterci 2 milioni. I progetti vincitori saranno non più di 7-8, quali lo sapremo entro la fine di marzo quando comincerà la fase della compartecipazione con la Regione per poi arrivare alla fine dell'anno e firmare la convenzione che sbloccherà i fondi.
Il progetto definitivo, con piano finanziario e rendering in 3D, è stato presentato prima alla commissione competente e alla cittadinanza. 
BIBLIOTECA, TEATRO, MOBILITÀ, PLAYGROUND: Un grande parco con spazi gioco per bambini (disabili e normodotati) e attività di ginnastica adattata che sarà progettata in collaborazione con l'università di Firenze e rivolta soprattutto alle persone anziane. 

La gente è così triste, la città è così stanca e sai dove lo leggo negli occhi di ogni mamma io vedo il degrado e quest'aria mi affanna. Rappresentiamo i giovani di ogni rione, sostieni 'sto progetto se vuoi l'evoluzione e cambieremo le cose noi non andremo altrove; dalla biblioteca alla pista con le strade nuove.
Dimmi un po' dove abiti io sto a Cecina in mezzo a vecchi stabili, devi farti spazio sennò non vali qui; una città con zero parchi per disabili. Non saranno cose facili ma un modo lo troveremo,
e se avremmo il vostro aiuto ci riusciremo; unisci a noi, ascolta il consiglio se vuoi migliorare il futuro di tuo figlio. No, non andrò via da qua, dal mio paese di nascita, amo la gente di qua, ogni quartiere a Cecina porto il nome in alto della mia città: Cecina

Aggiornamento del 01/02/2017
Cinque le linee d’azione individuate comprendenti sette progetti definitivi e due preliminari, questi ultimi realizzabili in caso di ulteriori disponibilità. Si chiamano Progetti di Innovazione Urbana (PIU) e sono volti a favorire l’inclusione sociale e la riduzione del disagio socio-economico, tramite la valorizzazione di strutture e aree urbane. Cecina si è collocata al terzo posto su 42 comuni toscani candidati e ha ottenuto l’ammissione al finanziamento per circa 4 milioni di euro da fondi comunitari.
L’intervento presentato dal Comune di Cecina riguarda il Villaggio Scolastico e le strutture comprese al suo interno per un totale complessivo di oltre 6 milioni di euro: Teatro, Bocciodromo, Biblioteca, spazi sportivi, vialetti, aree a verde ricompresi nel quadrilatero tra le vie Moro, Pasubio, Vico, Corsini, Fucini e Napoli.
Le linee d’azione sono cinque, all’interno delle quali si sviluppano sette progetti definitivi e due progetti preliminari. Gli interventi previsti sono numerosi e variegati, vediamoli in sintesi:
1) Illuminazione Pubblica Intelligente.
2) Percorso ciclo pedonale campestre attrezzato.
3) Riqualificazione del Centro Sociale Polivalente e degli spazi pubblici del Villaggio scolastico,.
L’obiettivo è quello di mantenere la vocazione del Bocciodromo arricchendola di nuove funzioni e attività. Per questo è prevista la sistemazione degli spazi aperti del complesso Villaggio Scolastico così da favorire le attività di socializzazione, sportive e sociali. Gli interventi consistono nel: rifacimento del tetto del Bocciodromo, realizzazione di un grande parco giochi accessibile, creazione di un’area fitness outdoor liberamente fruibile e nuovo arredo urbano fra cui anche un wc pubblico.
4) Nuovo campo in erba sintetica polivalente/rugby.
5) Spazi dedicati agli sport all’aria aperta. 
6) Recupero funzionale e riqualificazione del Teatro comunale
7) Recupero funzionale e riqualificazione della Biblioteca comunale. 
Ulteriori informazioni: http://www.comune.cecina.li.it/categorie/progetti-innovazione-urbana/allenamente-come-cambiera-il-volto-del-villaggio-scolastico

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Nessun commento:

Posta un commento

Moderazione attiva, il vostro commento sarà pubblicato il prima possibile, NO SPAM per favore