Questo blog nasce per sensibilizzare tutti sul diritto al gioco dei bambini con disabilità e per far conoscere i "parchi giochi inclusivi". Di cosa si tratta? Di parchi dove tutti i bambini possono giocare insieme. Parchi privi di barriere architettoniche, parchi dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti, bambini con disabilità motoria lieve e bambini che amano saltare come grilli. In questi parchi ci sono strutture gioco, (castelli, navi, torri...), con rampe al posto delle scale, i pannelli sensoriali sono posizionati ad altezza tale che possano essere utilizzati anche da chi sta seduto così come le sabbiere o le piste per biglie e/o automobiline. Parchi con tunnel giganti il cui accesso è possibile anche alle carrozzine, giostre girevoli che possono essere utilizzate da tutti. Questi sono i giochi che piacciono a noi. Per quanto riguarda l'altalena per carrozzine abbiamo scritto alcune riflessioni, (potete leggerle: qui e qui). Non siamo contrarie all'installazione di questo gioco nei parchi, (nei parchi gioco insieme ad altre strutture pensate per tutti i bambini), mentre abbiamo grossi dubbi sulla sua reale utilità quando viene installata in un prato, in un luogo isolato da qualsiasi altro gioco. Questa altalena ultimamente è diventata “simbolo” di una città sensibile ai bisogni dei bambini e ragazzi con disabilità. E le persone con disabilità motoria lieve? E gli ipovedenti o ciechi? Scegliere un gioco che può essere utilizzato solo da alcuni bambini con disabilità, ed escludere tutti gli altri, non è una scelta felice. Ci piacerebbe che i privati, le associazioni e le amministrazioni comunali puntassero più in alto ovvero scegliessero giochi per tutti, giochi che permettono ai bambini di socializzare e giocare insieme. Se volete vedere le immagini dell'area giochi inclusiva di Rimini le trovate qui: Tutti a bordo!

31 marzo 2017

bambini con disabilità: perché al parco non si vedono mai?

Pochi giorni fa, il 21 marzo, il serpente Tuiotù ha compiuto un anno. Tuiotù è il simbolo dell’area giochi inclusiva “Tutti a bordo!” di Rimini: uno scivolo alto due metri, accessibile anche ai bambini in carrozzina. Impossibile? Tutt’altro.
Per salire sullo scivolo c’è una lunga rampa, con tanto di segnali tattili. La seduta dello scivolo è larga, ci possono scendere anche tre bambini insieme: perfetta per chi ha bisogno di essere sostenuto un po’ da un abbraccio, senza nulla togliere all’ebbrezza della velocità. Ci sorprende solo perché raro.
Notizia integrale qui: http://www.vita.it/it/article/2017/03/31/i-bambini-con-disabilita-perche-al-parco-non-si-vedono-mai/142928/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

28 marzo 2017

ZEROSEI: UN PARCO INCLUSIVO PER MONTEROTONDO

“Non ci si passa, amore?”. Nasce da questa frase una storia di impegno civico e solidarietà, per rendere inclusivo un parco che non lo è. È la storia di mamma Beatrice e di suo figlio Orlando, 3 anni, su una sedia a rotelle a causa della SMA, Il piccolo Orlando vive a Monterotondo e, come si vede in un video pubblicato dalla mamma, non riesce a giocare in un giardino per lui pieno di ostacoli. Fino ad ora non sono bastate le due raccolte fondi. “Un parco inclusivo per Monterotondo” è diventato virale in rete dopo la candidatura al finanziamento Aviva Community Fund, la compagnia assicurativa britannica che offre la possibilità di dare un sostegno economico per una causa comunitaria. Si tratta di una competizione a cui partecipano tante realtà nazionali e internazionali e il parco inclusivo è solo uno dei tanti progetti presentati.
Per votarlo c’è tempo fino al 30 marzo 2017. Votate!!!! https://community-fund-italia.aviva.com/voting/progetto/schedaprogetto/16-465#5 
Notizia integrale qui: http://www.retisolidali.it/parco-inclusivo-zerosei/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Due altalene e tre pannelli ludici rendono inclusivo il parco?

Spesso accade di leggere su qualche sito di notizie: "Domani inaugurazione del parco inclusivo della città di X". L'articolo è corredato da tante foto e la prima cosa che facciamo è guardarle incuriosite per scoprire come è questo nuovo parco inclusivo. Troppo spesso la delusione prende il sopravvento. La struttura principale che attirerà la maggior parte dei bambini per la maggior parte del tempo che trascorreranno al parco è assolutamente inaccessibile visto che è dotato di scale ripide e/o di piccola parete di arrampicata per raggiungere la parte alta.
Però nel parco è stata installata un'altalena a cestone e ci sono tanti pannelli ludici di vario tipo. L'altalena a cestone è una bella scelta e i pannelli sono carini ma dire che si tratta di un parco giochi inclusivo forse non è troppo? Perché i bambini con disabilità motoria devono accontentarsi di un'altalena e dei pannelli ludici? Tra l'altro la maggior parte dei pannelli, fateci caso, è dedicata al gioco dei bambini più piccoli; spesso di tratta di giochi di numeri, incastri, labirinti, ...
Secondo noi si può fare molto, molto, molto di più! Chiaramente con l'aiuto di una persona esperta perché fino a quando continueremo a scegliere giochi da un catalogo, magari da quello di un'azienda che offre pochi giochi accessibili, i parchi "inclusivi" continueranno ad offrire ai bambini con disabilità un'altalena e il gioco del tris...

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

27 marzo 2017

“Aggiungere due altalene per disabili non serve a nulla”

“Aggiungere due altalene sulle quali possono salire i bambini in carrozzina, spesso poco sicure e non custodite, non significa affatto realizzare un parco giochi inclusivo”. Fabio Casadei è il progettista e designer che ha disegnato l’area inclusiva al Parco Federico Fellini. 
"Molti Comuni hanno preso da qualche anno ad aggiungere qualche altalena accessibile a chi è in carrozzina, pensando di essere a posto. Ma quello non sarà un parco inclusivo, sarà esclusivo: su quei giochi non potranno salirci tutti e c’è chi si farà pure male. Realizzare un parco inclusivo significa che il bambino disabile deve poter accedere, poi interagire con gli altri, infine utilizzare i giochi in autonomia o comunque in sicurezza”.
Notizia integrale: http://www.emiliaromagnamamma.it/2017/02/parchi-inclusivi-il-designer-aggiungere-due-altalene-per-disabili-non-serve-a-nulla/


Due anni e mezzo fa le altalene per carrozzine in Italia erano solamente 50. Due anni fa erano già salite a 73, per raggiungere le 163 unità meno di un anno fa, maggio 2016. Oggi, 27/03/2017, siamo arrivati ad avere 250 altalene nelle città italiane. I parchi inclusivi invece non crescono altrettanto velocemente purtroppo. Nel dicembre 2015 erano poco meno di 30, (e non tutti ben progettati, sia chiaro, quindi non tutti in grado di garantire il diritto al gioco), oggi sono circa 40 :-(

Altalene per carrozzine installate in Italia:
30/11/2014: 50
29/03/2015: 73
30/10/2015: 126
10/12/2015: 141
17/05/2016: 163
19/06/2016: 175
02/07/2016: 181
09/08/2016: 201
28/09/2016: 215
11/11/2016: 226
23/12/2016: 234
12/02/2017: 242
27/03/2017: 250

Chissà se le amministrazioni lo capiscono che non è possibile dichiarare di essere sensibili verso le persone con disabilità solo per aver installato un'altalena per carrozzine che ha un costo molto basso ed è pure pericolosa. Chissà se lo capiscono che non si può dichiarare di aver garantito il diritto al gioco ai bambini con disabilità solo per aver installato un'altalena per carrozzine visto che si tratta di un gioco riservato appunto a utenti in carrozzina. E i bimbi con disabilità motoria lieve che non usano la carrozzina? E i bimbi ciechi o ipovedenti? E poi perché, domanda importantissima, alcuni bambini dovrebbero giocare da soli su questa altalena e tutti gli altri sulle eventuali strutture accanto ad essa?

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

26 marzo 2017

Figline e Incisa Valdarno

Sono partiti la scorsa settimana i lavori ai giardini della Misericordia di Figline: qui sarà realizzata la prima area gioco inclusiva del comune di Figline e Incisa, fruibile cioè anche dai bambini con disabilità. Un investimento da 45mila euro, che comprenderà pavimentazione antitrauma, abbattimento delle barriere architettoniche e introduzione di appositi giochi, per lo più altalene, giochi tattili e scivolo, scelti con l’aiuto delle associazioni di volontariato che, sul territorio, si impegnano nell’ambito dell’inclusione sociale dei disabili.

Notizia integrale qui: http://valdarnopost.it/news/lavori-in-corso-nelle-aree-verdi-arrivano-anche-i-giardini-inclusivi

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

24 marzo 2017

Giocando si impara

"Le due settimane della nostra Giornata nazionale 2017 sono fondamentali per ripartire dai più piccoli, perché attraverso loro possiamo raccontare un mondo possibile – spiega Marco Rasconi, presidente di Uildm. – Il gioco è il primo passo da fare a livello culturale, e non è per nulla banale come può sembrare perché quando giochiamo siamo tutti uguali, ognuno con la propria specificità. Grazie al gioco possiamo costruire una realtà in cui nessuno è escluso".
Notizia integrale qui: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/530933/Giocando-s-impara-parte-la-campagna-Uildm-per-i-parchi-gioco-inclusivi

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

21 marzo 2017

Buon compleanno Tuiotù

21/03/2017 Oggi il nostro caro serpente scivolo Tuiotù e il parco "Tutti a bordo!" compiono 1 anno! Il 21/03/2016 era pronto per accogliere tanti bambini e la pioggia ha fatto rimandare l'inaugurazione di una decida di giorni ma lui era lì, era nato, per far giocare tutti i bambini di Rimini! Un GRAZIE speciale a tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo bellissimo parco giochi, nessun elenco di nomi, sono così tante le persone che hanno dato il loro contributo a partire da chi ha desiderato il parco, al progettista, l'amministrazione comunale, le associazioni, chi ha lavorato fisicamente in loco, ...
Domenica scorsa al parco erano presenti tante persone, molte visitavano il parco con i bambini per la prima volta ed è stato bellissimo sentire le persone esprimersi positivamente. Il più bel complimento è stato quello di una mamma che, parlando con un'amica, con tono molto entusiasta, ha detto: "è proprio bello, questo sì che è un Signor Parco!"
Con la speranza che non resti l'unico parco italiano ad essere nato grazie ad un'attenta progettazione: TANTI AUGURI TUIOTÙ


Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

20 marzo 2017

Altalena per bambini disabili - Non accessibile?!

Una notizia datata ma sempre attuale: altalene riservate a utenti in carrozzina non accessibili...
Acquaviva - giovedì 01 settembre 2016
Segnalazione riguardante l’installazione della giostrina per soggetti diversamente abili all’interno di un’aiuola pubblica senza che siano state rispettate le norme in materia.
Con preghiera di ricevere la documentazione amministrativa riguardante tale installazione, comprensiva delle relazioni tecniche ed il collaudo dell’opera, vi invitiamo ognuno per la propria competenza a fare in modo che i soggetti diversamente abili possano accedere alla giostrina, in sicurezza, e che non venga utilizzata da chi non ne ha il diritto comminando le giuste sanzioni.
Luigi Maiulli – Presidente Codacons Acquaviva

Notizia integrale qui: http://www.acquavivalive.it/rubriche/4248/altalena-per-bambini-disabili-non-accessibile

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Giocando si impara

La Giornata Nazionale UILDM (3-16 aprile 2017) è un appuntamento importante che permette di far conoscere l'associazione e sostenere progetti che portano a includere sempre di più le persone con disabilità. I protagonisti di quest’anno sono i bambini con il progetto “Giocando si impara”: l'obiettivo è rendere i parchi gioco italiani dei luoghi accessibili a tutti loro, senza distinzioni.
Come? Dotandoli di giostre accessibili e fare così del gioco uno strumento che crea relazioni e non limiti, di far aprire una comunità anziché chiuderla.
Notizia integrale qui: http://www.uildm.org/2017/03/06/giornata-nazionale-2017/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

19 marzo 2017

3 anni di blog e pagina facebook!

Il 19/03/2014 era un mercoledì e io e Raffaella pubblicammo il primo post su questo blog che riportava l'immagine di un articolo di quotidiano, (vedi foto più sotto). Da diversi mesi eravamo impegnate in una piccola battaglia che poi si è trasformata in una missione.
Oggi è il 19/03/2017 e da allora son trascorsi ben 3 anni! Oggi è il nostro compleanno e possiamo festeggiare grandi traguardi raggiunti :-)
Siamo partite da una piccola sfida: portare a Santarcangelo almeno un gioco sul quale potessero divertirsi insieme bambini "normodotati" e bambini con disabilità e oggi il nostro blog è un punto di riferimento per chiunque cerchi notizie inerenti i parchi gioco inclusivi.
Come nasce tutto questo? Da un incontro casuale. Ci conosciamo ad un banchetto di un'associazione nell'autunno 2012 e decidiamo di andare insieme in biblioteca ad ascoltare storie insieme ai nostri bambini, a spettacoli teatrali, laboratori creativi. Arriva la primavera 2013 e Raffaella solleva un problema: come facciamo ad andare al parco giochi? Cristian si sposta in carrozzina e a Santarcangelo e Rimini non esistono parchi accessibili e con giochi fruibili da parte di bambini con disabilità motoria.
Raffaella ha un'idea: chiediamo un incontro con il Sindaco di Santarcangelo per sottoporgli il problema! L'appuntamento era fissato per maggio 2013 ma purtroppo il Sindaco decise di dare le dimissioni pochi giorni prima del nostro incontro; per motivi politici, non certo perché non voleva incontrare noi due mamme.
Trascorsero parecchi mesi e vista la situazione politica incerta decidemmo di lasciar perdere e riprovarci l'anno successivo. Nel mese di marzo 2014 appuntamento con il Commissario di Santarcangelo e finalmente si inizia a parlare seriamente della possibilità di installare un gioco per tutti nel parco centrale della città. Trascorrono i mesi e nel frattempo ci furono le elezioni del nuovo Sindaco; il "nostro" gioco fu inaugurato nel febbraio 2015 grazie all'amministrazione comunale che ritenne importante fare questo regalo ai bambini.
La prima cosa che facemmo nella primavera 2013, e successivamente in quella del 2014 fu cercare in rete informazioni su giochi accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini e quello che trovammo fu veramente poco! Le quasi uniche informazioni riguardavano il progetto FISH Giochiamo Tutti, qualche immagine di inaugurazione di altalene per carrozzine e i cataloghi di aziende produttrici di giochi per parchi! Per questo motivo decidemmo di aprire il blog, (e relativa pagina facebook): per condividere la nostra esperienza pensando di dare un piccolo aiuto a chi volesse seguire la nostra stessa strada ovvero spronare l'amministrazione comunale all'installazione di giochi per tutti.
Da allora di cose ne abbiamo fatte davvero tante e il nostro piccolo blog è diventato quasi un secondo lavoro! Sin da subito abbiamo cercato di coinvolgere tante persone per far conoscere i parchi giochi inclusivi: amici, conoscenti, blogger, giornalisti, ... Nel luglio 2014 Saverio Tommasi ha accettato di venire con noi a visitare uno di questi parchi, (il video qui: https://www.youtube.com/watch?v=LLB2_bLYxXM), sul blog nel frattempo avevamo iniziato a inserire la mappa dei parchi giochi italiani accessibili a tutti i bambini, pubblicato un elenco di aziende produttrici di giochi adatti a parchi inclusivi, ... Oltre a queste informazioni il blog ha da subito rilanciato ogni notizia inerente progetti e inaugurazioni di parchi inclusivi e ogni volta che lo abbiamo ritenuto necessario abbiamo scritto qualche post di riflessione sulla "famosa" altalena per carrozzine o sul altri argomenti importanti poco trattati in rete.
Nel frattempo prendeva vita anche un sogno per un parco giochi inclusivo a Rimini fortemente voluto dalla mamma Elvira Cangiano e abbiamo avuto l'onore di partecipare al gruppo di lavoro istituito dal Comune di Rimini. Abbiamo partecipato con grande entusiasmo agli incontri e conosciuto altre persone fortemente motivate a far valere il diritto al gioco. In questi anni abbiamo ricevuto tantissime mail con richieste di ogni tipo ma principalmente da parte di cittadini o associazioni che chiedevano qualche dritta per realizzare un parco nella loro città. È stato bellissimo partecipare al taglio del nastro del parco giochi di Livorno realizzato grazie ai Camminatori Folli!
Nel dicembre 2015 abbiamo iniziato a inviare lettere tramite mail per sensibilizzare le amministrazioni comunali italiane riguardo i parchi gioco inclusivi, ad oggi ne abbiamo spedite più di 1000. Nello stesso mese abbiamo presentato la nostra opera di sensibilizzazione a un Convegno del CRIBA, (Non solo altalena: la dimensione inclusiva del parco gioco). Abbiamo anche iniziato a informarci "seriamente" riguardo il diritto al gioco, progettazione e accessibilità e anche se siamo e resteremo sempre due mamme impegnate nel sociale, abbiamo compreso quanto sia importante affidarsi a un progettista per realizzare un parco giochi inclusivo!
Dopo tante letture, interviste, partecipazioni a seminari, confronti con altri cittadini e con titolari di aziende che producono giochi possiamo dire di aver fatto tanto, ma tantissimo c'è ancora da fare perché i bambini hanno una voce molto piccola; difficile far valere i diritti quando nessuno ti considera. Stessa cosa accade alle persone con disabilità: poter accedere e fruire di servizi pubblici, (il parco è un luogo pubblico), è un diritto che spesso non viene garantito.
Oggi è il nostro compleanno e se volete farci un piccolo regalo vi chiediamo di darci visibilità, condividendo i nostri post e invitando i vostri amici a mettere Mi Piace sulla nostra pagina facebook. Noi vi promettiamo che continueremo a impegnarci nel sensibilizzare quante più persone possibili sul diritto al gioco di tutti i bambini tramite la realizzazione di aree gioco inclusive!

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

18 marzo 2017

Menzione per i giochi inclusivi

L'Anci Toscana ha promosso un concorso dal titolo #BuonePraticheNetwork, per raccogliere le migliori esperienze realizzate dalle amministrazioni comunali della regione. Il comune di Terranuova Bracciolini ha ricevuto una menzione speciale per l'attività rivolta ai giochi per tutti. 



Installazione di giochi inclusivi nel giardino della scuola dell'infanzia di Terranuova Bracciolini, eliminando tutte le barriere fisiche e architettoniche. Per garantire il diritto dei bambini diversamente abili di giocare coi loro coetanei.

Notizia integrale: http://www.aterranuova.it/2017/03/14/giochi-inclusivi-una-menzione-speciale-per-la-creativita-al-concorso-buonepratichenetwork-di-anci-toscana/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

17 marzo 2017

Parco inclusivo a Pontassieve?

Pontassieve (Firenze) – Il parco di Piazza dell’Unità di di Sieci diventerà un parco “inclusivo” che accoglierà giochi adatti e accessibili anche ai bambini con disabilità. Ad annunciarlo il Comune di Pontassieve che ha ideato e progettato una ristrutturazione dell’area e del parco “Città dei bambini e delle bambine”.
Oltre ai nuovi giochi accessibili, che andranno a sostituire quelli in cattive condizioni, l’intervento – dell’importo complessivo di circa 20.000 euro, di cui 7.000 derivanti dal bando regionale sull’abbattimento delle barriere architettoniche – vedrà la riparazione di parte di quelli esistenti mediante la sostituzione degli elementi danneggiati.
A questa idea ha collaborato anche l’associazione “cuore di mamma” che ha contribuito alla realizzazione di un’altalena dedicata ai bambini con disabilità.

Notizia integrale qui: http://www.sievenotizie.it/2017/03/17/pontassieve-parco-sieci-diventa-inclusivo-giochi/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

16 marzo 2017

Giostra-trabocchetto al parco giochi

VICOPISANO — Una giostra danneggiata al parco giochi, pericolo per i bambini. La consigliera comunale d'opposizione Marrica Giobbi riporta la segnalazione, arrivata da Facebook, di un incidente avvenuto ai giardinetti "Francesco Vannozzi". Un bimbo si è fatto male, per fortuna senza spiacevoli conseguenze, giocando su una girella fatiscente la cui pedana sganciata dalla base, oscilla paurosamente facilitando cadute non richieste.
Il gioco per bambini si presenta deteriorato, logorato dall’usura, dalle intemperie e dall’abbandono di un’amministrazione evidentemente poco attenta alla sicurezza dei piccoli frequentatori.
Notizia integrale qui: http://www.quinewsvaldera.it/vicopisano-giostra-trabocchetto-al-parco-giochi.htm

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

15 marzo 2017

Castelbuono: una raccolta fondi per il parco giochi inclusivo

L’Amministrazione comunale di Castelbuono, facendosi garante dell’attuazione di iniziative che coinvolgano i singoli cittadini e le associazioni no profit ha attivato dei tavoli di lavoro con chi, condividendo l’iniziativa, ha messo a disposizione il proprio tempo e la propria disponibilità a collaborare per organizzare eventi solidali finalizzati a raccogliere i fondi necessari per la realizzazione di un parco giochi.
È stata avviata una raccolta fondi aperta alla cittadinanza, non solo per ragioni economiche, ma, in particolar modo, per stimolare e rafforzare il senso di appartenenza e di cura attiva dei cittadini nei riguardi del proprio paese, lanciando un percorso di progettazione partecipata e di condivisione del bene comune, a prescindere dall’appartenenza politica. Creare,quindi, un parco dove tutti i bambini possono stare insieme, privo di barriere architettoniche. Tra i giochi scelti si è previsto l’acquisto dell’altalena con elemento di oscillazione a “nido” , il cestone a nido rende il gioco inclusivo per bambini con disabilità motorie e non , permettendo l’utilizzo e il gioco di più bambini assieme.

Notizia integrale qui: https://cefaluweb.com/2017/03/15/castelbuono-raccolta-fondi-parco-giochi-inclusivo/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

14 marzo 2017

247 esima altalena...

ANCONA: Inaugurata ieri nel parco della Cittadella la nuova altalena per disabili, frutto della sinergia tra il Comune e il gruppo di famiglie “Tutti al parco uniti per un’altalena”.  Questa famiglie, dopo aver preso contatti con l’Ufficio verde pubblico, hanno avviato una raccolta fondi per acquistare l’altalena. Grazie alla generosità di oltre 500 persone, i genitori sono riusciti a comprarla e a donarla alla città.
Notizia integrale qui: http://www.centropagina.it/unaltalena-per-disabili-alla-cittadella/

Ancona un'altalena, la 247 esima in Italia. Ricordiamo che questo gioco può essere usato solo da utenti che usano la carrozzina e quindi un gioco esclusivo. Niente inclusione...

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Prato, parco centrale, ecco il progetto definitivo

PRATO. Il Parco centrale di Prato sarà uno spazio a disposizione di tutta la città, mantenuto vivo dalla partecipazione e dal coinvolgimento dei cittadini e di tutte le parti attive del territorio, a partire dalle realtà culturali. Con questa finalità è stato redatto il progetto definitivo del parco realizzato da MDP Michel Desvigne e Paolo Brescia di OBR Srl, vincitori del concorso internazionale indetto dal Comune di Prato.
Nascerà nello spazio dell'ex Misericordia e Dolce quando l'abbattimento selettivo del vecchio ospedale - tempo un anno e mezzo - sarà concluso. Siepi, via d'acqua sotto le mura, un padiglione di 1.500 metri quadrati (al posto di un palazzo di cemento di 40.000 metri cubi per sette piani) con spazi polivalenti e flessibili. Poi percorsi pedonali, orti, giochi anche per bambini disabili e tante funzioni da quelle sportive alle culturali.
Notizia integrale qui: http://iltirreno.gelocal.it/prato/cronaca/2017/03/13/news/parco-centrale-ecco-il-progetto-definitivo-1.15024465#gallery-slider=undefined

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

13 marzo 2017

Lamezia Terme, raccolta fondi per altalena

Lamezia Terme (Catanzaro) – Max Cavallari de I Fichi d’India a Lamezia Terme si esibirà nel suo spettacolo teatrale "Da soli Mai"; l’iniziativa sarà finalizzata all’acquisto di un’altalena per persone con disabilità, da installare in uno dei parchi cittadini. Un progetto inclusivo da grande città e per una grande città quale è Lamezia – dichiarano gli organizzatori.
“Abbiamo l’ambizione di realizzare in città il primo parco giochi inclusivo. Sappiamo che si tratta di un processo molto lungo e per questo inizieremo con l’installazione di una prima altalena per soggetti diversamente abili”. La manifestazione, dedicata all’inclusione sociale dei diversamente abili, sarà presentata alle ore 11.30 di mercoledì 15 Marzo nella sala Napolitano.
Notizia integrale qui: http://www.lameziaoggi.it/lamezia-terme/2017/03/12/lamezia-serata-beneficenza-con-max-cavallari-al-grandinetti/

Come accade spesso la parola "inclusione" viene affiancata ad "altalena per disabili". Nulla di più sbagliato! La promessa della realizzazione di un vero e proprio parco giochi inclusivo? Noi ci speriamo, ci speriamo veramente, ma fino ad oggi è successo solamente nel 1% dei cari che chi è partito con un'altalena ha portato avanti l'impegno di acquistare altri giochi per realizzare una piccola area giochi inclusiva. Perché partire da un gioco riservato a una piccola minoranza di bambini con disabilità? Non sarebbe forse meglio partire dall'accessibilità del parco, ad esempio, visto che nella maggior parte dei casi i parchi gioco classici presentano un fondo di ghiaia, erba o terra battuta? La realizzazione dei vialetti di accesso ai giochi è un elemento importantissimo e forse si sarebbe potuto iniziare da lì... Si potrebbe acquistare un gioco utilizzabile da tutti, per cominciare, non da un'altalena sulla quale potranno salire solo bambini che usano la carrozzina.
Noi continuiamo a dissociarci da queste iniziative e a spiegare che inclusione è giocare insieme nel medesimo luogo e con le medesime attrezzature. Quando è necessario è anche possibile aggiungere questo tipo di altalena in un parco giochi inclusivo ma non dimentichiamoci che è un gioco esclusivo, che è pericoloso, (molto), e che non crea alcuna inclusione visto che i bambini normodotati non lo possono utilizzare.
Aggiungiamo anche che ci piacerebbe che gli Enti Certificatori si esprimessero pubblicamente dichiarando se questo gioco è adatto a parchi pubblici oppure è troppo pericoloso per essere installato in luoghi privi di sorveglianza!

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

12 marzo 2017

Roma - workshop "Educare attraverso il gioco"

Nell’ambito del Progetto “Scuola del Sociale Agorà 2016 - 2018” cofinanziato dall’Unione Europea il seminario si propone di aggiornare le conoscenze di pertinenza psicologico, giuridica e socio-pedagogica riguardanti il diritto al gioco e il tema dell’educazione attraverso il gioco. Al termine del seminario viene rilasciato un attestato di partecipazione a chi bbia frequentato almeno l’80% del totale delle ore previste. Il seminario, della durata di 32 ore, si svolge nei giorni: 4, 10, 17 e 24 maggio 2017 (dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.30) e 31 maggio 2017 (dalle 9.30 alle 13.30) presso la Scuola del Sociale Agorà, via Cassia n° 472 - Roma.
È possibile presentare la domanda di iscrizione esclusivamente a mezzo posta elettronica all’indirizzo: formazione.sociale@capitalelavoro.it.

È consentito l’invio della domanda a partire dal giorno 6 marzo 2017 fino alle ore 24.00 del giorno 1 maggio 2017. Sono ammessi a partecipare i primi 30 candidati che abbiano presentato domanda valida. Effettuato il controllo delle candidature e accertato il rispetto dei requisiti di partecipazione, la graduatoria degli ammessi sarà determinata dall’ordine cronologico di arrivo delle domande, dando priorità ai residenti nella Regione Lazio.
Per ulteriori informazioni e chiarimenti rivolgersi a: Capitale Lavoro S.p.A. via Beniamino Franklin n. 8 – 00153 Roma Tel. 06-85358322 Fax 06-8541473 e-mail: formazione@capitalelavoro.it

Maggiori informazioni e modulo iscrizione qui:
http://www.cittametropolitanaroma.gov.it/11-avvisi/1443-avviso-per-l-ammissione-di-n-30-partecipanti-all-attivita-di-workshop-educare-attraverso-il-gioco-cod-cup-f89d16000750009-presso-cmfp-scuola-del-sociale-agora

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

11 marzo 2017

Il progettista e il designer

Progettista
Il progettista è chi redige un progetto, spesso di carattere architettonico o tecnico progettuale, attraverso un processo o attività di progettazione. Si tratta di una figura professionale che con un proprio bagaglio culturale ed una congrua esperienza pensa e concepisce prima ciò che verrà costruito dopo. Nell'ambito architettonico-edilizio, i professionisti massimamente competenti in progettazione sono essenzialmente l'ingegnere e l'architetto, a cui si affiancano figure come il geologo, il geometra, l'agronomo e il perito industriale.
La progettazione infatti dovrebbe essere realizzata con scienza, coscienza ed esperienza. Ma è il progettista che deve possedere queste virtù.
Il progettista deve possedere un'approfondita conoscenza dei materiali, delle tecniche di assemblaggio, delle norme tecniche e delle leggi riguardanti la materia in cui intende operare.

Designer
Con il termine inglese designer (letteralmente, progettista) si indica una figura professionale che si occupa della progettazione di moltissimi tipi di artefatti. Nello specifico, esistono diverse competenze specialistiche, nel campo del design che definiscono differenti qualità e capacità professionali.
Questa professione tipicamente comporta la necessità di possedere spiccate doti creative e di avere, al contempo, una o più aree di competenza tecnica specifica. Inoltre, si deve possedere un solido bagaglio culturale che riguarda molteplici campi della conoscenza umana.

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Progettista

Se è vero che esistono figure professionali che hanno studiato per redigere un progetto forse è bene lasciare loro questo compito anche nel campo delle aree gioco invece che improvvisarsi progettisti di parchi posizionando in modo approssimativo altalene e scivoli...

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

installati i nuovi giochi a Vibo Valentia

A Vibo Valentia, nella piazza intitolata ad Antonio Annarumma sono arrivati i giochi per i bambini, non molti, in verità, ma sicuramente meglio rispetto al vuoto degli ultimi anni. Ed è stata installata, soprattutto, la seconda altalena per disabili dopo quella che ha preso posto nel parco giochi sito nei pressi della stazione a Vibo Marina.
Un passetto in avanti, insomma, forse un po’ lontano dalle aspettative e dal progetto sull’area che aveva dato forza, in tema di politiche sociali e di riqualificazione, al programma elettorale del sindaco Elio Costa.
Notizia integrale qui: http://www.21righe.it/index.php/categoria-primo-piano/10408-piazza-annarumma-installati-i-nuovi-giochi-entro-fine-mese-l-affidamento-dell-area

La solita altalena, circa la 245esima in Italia. Un'altalena nel mezzo di una piazzetta affiancata da tre giochini classici che difficilmente potranno essere utilizzati da bambini con disabilità motoria. Giochi posizionati in un luogo dove non sono presenti alberi che creano ombra in estate e pure accanto a una strada. Purtroppo non riusciamo a capire il senso di questa scelta. L'ennesima installazione al fine di dichiarare ai quotidiani che si è pensato anche ai "disabili"?
Quando inizieremo a pensare seriamente all'inclusione e non a due categorie distinte ovvero "normodotati" e "disabili"? INCLUSIONE parola poca conosciuta :-(

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

10 marzo 2017

Giardini pubblici di piazza Staglieno, sabato l’inaugurazione della nuova area giochi

Val di Vara (La Spezia). Si svolgerà sabato 11 marzo, alle 11, l’inaugurazione della nuova area giochi allestita all’interno dei giardini pubblici di piazza Staglieno dove sono stati collocati un’altalena, uno scivolo, una giostra ed un trenino.
I nuovi giochi (la cui collocazione fa seguito ad una ristrutturazione già compiuta dal Comune in alcune zone di sosta e aggregazione interne ai giardini pubblici) sono stati scelti sulla base delle indicazioni fornite dai genitori, sono “inclusivi” (cioè utilizzabili da tutti i bimbi, anche con disabilità).
Notizia integrale qui: http://www.cittadellaspezia.com/Cinque-Terre-Val-di-Vara/Attualita/Giardini-pubblici-di-piazza-Staglieno-228992.aspx

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

PARCO GIOCHI “SORRIDIAMO ASSIEME” A FAVORE DI TUTTI I BIMBI DELLA CITTÀ

Aristotele distingueva il gioco dal lavoro, equiparandolo alla felicità e alla virtù, anch’esse connotate dall’autosufficienza e dalla libertà, ossia dalla mancanza di necessità: il gioco è lo strumento principale che accompagna la crescita e lo sviluppo del bambino. Ha una funzione privilegiata nei processi di integrazione sociale. Quando però non ci rivolgiamo a bambini normodotati, il gioco può diventare isolamento.
Questo il pensiero di Antonella Cortese e Caterina Oropallo responsabili dei temi legati a sanità e welfare di Autonomia Responsabile – Civica Per Gorizia.
Abbiamo inserito nel nostro programma relativo al welfare, che il nostro capogruppo Fabrizio Oreti ha già consegnato nelle mani del candidato Sindaco del centro destra Rodolfo Ziberna, la necessità di realizzare un’area giochi, che ci piacerebbe chiamare “Sorridiamo insieme”, che si pone l’obiettivo di garantire ai bambini disabili ed alle loro famiglie uno spazio sicuro che favorisca la socializzazione ed il miglioramento della loro qualità di vita. La zona verde da destinare al progetto – afferma Oropallo – verrà individuata dall’Amministrazione Comunale come la migliore soluzione dal punto di vista della collocazione geografica, badando all’impatto anche visivo ed estetico, oltre che della sostenibilità economica, dovrà essere priva di barriere architettoniche.

Notizia integrale qui: http://www.cafetv24.it/index.php/cortese-oropallo-per-autonomia-responsabile-importante-creare-parco-giochi-sorridiamo-assieme-favore-tutti-i-bimbi-citta/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

7 marzo 2017

GIOCARE CON GLI ALTRI FA BENE. A TUTTI.

Torna la Giornata Nazionale UILDM dal 3 al 16 aprile 2017 per la realizzazione di parchi gioco inclusivi. Anche quest’anno i volontari saranno presenti con circa 300 punti di raccolta su tutto il territorio nazionale per offrire la tavoletta di cioccolato, con un contributo minimo di 6 euro. I fondi raccolti saranno destinati al progetto “Giocando si impara”, per la realizzazione di parchi gioco inclusivi nelle comunità locali.
Dotare le aree verdi di giostre adatte ai bambini con disabilità motorie significa innanzitutto rispondere al bisogno di costruire relazioni. Giocare insieme permette di fare amicizia, maturare affetti e crescere come adulti consapevoli. C’è molto da fare: negli oltre 8.000 comuni italiani ci sono poco più di 350 tra parchi inclusivi e/o parchi che hanno almeno una giostra accessibile. Una percentuale che non arriva nemmeno al 5% della copertura nazionale. Al momento non possiamo contare su una normativa di riferimento e le iniziative sono lasciate all’intraprendenza di amministrazioni pubbliche o di privati sensibili al problema. Avere giochi alla portata di tutti i bambini significa anche far crescere la comunità della quale fanno parte, coinvolgendo famiglie, istituzioni, imprese.
«Le due settimane della nostra Giornata Nazionale 2017 sono fondamentali per ripartire dai più piccoli, perché attraverso loro possiamo raccontare un mondo possibile. – spiega Marco Rasconi, presidente di UILDM – Il gioco è il primo passo da fare a livello culturale, e non è per nulla banale come può sembrare perché quando giochiamo siamo tutti uguali, ognuno con la propria specificità. Grazie al gioco possiamo costruire una realtà in cui nessuno è escluso».
Notizia integrale qui: http://www.uildm.org/2017/03/06/giornata-nazionale-2017/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

6 marzo 2017

Mozione parchi inclusivi a Sanremo

Sanremo (Imperia). Il consiglio comunale si è aperto con la trattazione di un ordine del giorno presentato da Paola Arrigoni relativo ai Parchi Gioco Inclusivi.
“Dato che l'Amministrazione Comunale ha istituito il Comitato Comunale per la pianificazione dell’eliminazione delle barriere architettoniche reputiamo che la realizzazione di parchi gioco inclusivi sia fondamentale per permettere a tutti i bambini lo stesso diritto al gioco. Negli ultimi anni la condizione di integrazione dei bambini con qualunque forma e grado di disabilità sta facendo passi avanti in molti ambiti della vita, ma risulta ancora difficile, a volte impossibile, vivere dei momenti ludici insieme ai loro coetanei per l’inadeguatezza delle strutture presenti all’interno dei luoghi di svago e gioco pubblici. Con il gioco i bambini imparano il rispetto delle regole, ad accettare i propri simili sia per i loro pregi ma anche difetti, imparano a stare insieme e relazionarsi, maturando sin da piccoli l’attitudine alla socializzazione. È preciso dovere di una buona amministrazione abbattere quelle barriere ambientali che impediscono una relazione libera tra bambini con e senza disabilità."
Favorevoli si sono dichiarati tutti i gruppi consiliari, maggioranza ed opposizione, che hanno approvato il documento all'unanimità.

Notizia integrale qui: http://www.sanremonews.it/2017/03/03/leggi-notizia/argomenti/politica-1/articolo/sanremo-approvata-la-proposta-del-movimento-5-stelle-di-adeguamento-dei-parchi-gioco-alle-esigenze.html

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Bassano del Grappa - Tavola rotonda parchi inclusivi

Bassano Accessibile organizza una tavola rotonda PARCHI PER TUTTI sabato 25 marzo ore 15:30 presso la sala convegni Fondazione Pirani Cremona in Via Museo, 23.

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

5 marzo 2017

General Course - Diritti umani e inclusione

Nell’ambito delle iniziative che il Rettore e la nuova governance hanno deciso di intraprendere emergono una serie di azioni che riguardano l’inclusione e lo sviluppo di capacità professionali per la gestione di un contesto sociale sempre più eterogeneo e complesso. In questa ottica si inserisce l’iniziativa di istituire un ‘general course’ per l’anno accademico 2016/2017, ‘trasversale’ per gli studenti dei corsi di laurea triennali e magistrali, finalizzato a favorire una maggiore consapevolezza delle diversità presenti nel nostro tessuto sociale, dei diritti umani, dell’importanza di investire per una società inclusiva e di come le loro professionalità future potrebbero contribuire a tutto questo.
Perché questo corso: per acquisire conoscenze e competenze in grado di testimoniare ‘mentalità’, sensibilità e competenze inclusive come lavoratori e cittadini del futuro, per partecipare attivamente alla costruzione di un contesto universitario e comunitario inclusivo, per assumere una visione interdisciplinare nel progettare e realizzare collaborazioni di tipo professionale, per promuovere la presenza di ‘difensori dell’inclusione’ che considerano la formazione, la complessità e il cambiamento come sfide ed opportunità da accogliere con ottimismo ed entusiasmo.
Il programma
• Primo incontro Avvio del corso e le caratteristiche dei tempi attuali, complessità, eterogeneità, super-diversità, e l’idea di inclusione del 21 secolo
• Secondo incontro Modelli di salute, benessere, disabilità e analisi delle barriere/facilitatori contestuali
• Terzo incontro Introduzione al paradigma universale dei diritti umani e la legislazione e le politiche a supporto dell’inclusione, locale, nazionale ed europea
• Quarto incontro La sfida dell’educazione inclusiva tra universal design e education for all
• Quinto incontro Nuove tecnologie per l’inclusione: robotica educativa, realtà aumentata e interfacce uomo-macchina inclusive
• Sesto incontro Economia e management per l'inclusione
• Settimo incontro Corpo, movimento, salute: la prospettiva inclusiva
• Ottavo incontro Ambiente e natura per tutti: gestione condivisa delle risorse naturali
• Nono incontro L’accessibilità, dalla teoria alla pratica
• Decimo incontro Beni culturali: declinazioni per l’inclusione
• Undicesimo incontro Presentazioni lavori di gruppo e chiusura del corso

Notizia integrale qui: http://www.unipd.it/inclusione/general-course

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

Allenamente... Una città per tutti!

Cecina (Livorno), 20/01/2016. Un progetto da 7 milioni e 800 mila euro per proiettare il villaggio scolastico nel futuro. Il bando europeo Piu prevede che il Comune partecipi con un contributo minimo del 20 per cento, Cecina è arrivata al 25 ed è pronta a metterci 2 milioni. I progetti vincitori saranno non più di 7-8, quali lo sapremo entro la fine di marzo quando comincerà la fase della compartecipazione con la Regione per poi arrivare alla fine dell'anno e firmare la convenzione che sbloccherà i fondi.
Il progetto definitivo, con piano finanziario e rendering in 3D, è stato presentato prima alla commissione competente e alla cittadinanza. 
BIBLIOTECA, TEATRO, MOBILITÀ, PLAYGROUND: Un grande parco con spazi gioco per bambini (disabili e normodotati) e attività di ginnastica adattata che sarà progettata in collaborazione con l'università di Firenze e rivolta soprattutto alle persone anziane. 

La gente è così triste, la città è così stanca e sai dove lo leggo negli occhi di ogni mamma io vedo il degrado e quest'aria mi affanna. Rappresentiamo i giovani di ogni rione, sostieni 'sto progetto se vuoi l'evoluzione e cambieremo le cose noi non andremo altrove; dalla biblioteca alla pista con le strade nuove.
Dimmi un po' dove abiti io sto a Cecina in mezzo a vecchi stabili, devi farti spazio sennò non vali qui; una città con zero parchi per disabili. Non saranno cose facili ma un modo lo troveremo,
e se avremmo il vostro aiuto ci riusciremo; unisci a noi, ascolta il consiglio se vuoi migliorare il futuro di tuo figlio. No, non andrò via da qua, dal mio paese di nascita, amo la gente di qua, ogni quartiere a Cecina porto il nome in alto della mia città: Cecina

Aggiornamento del 01/02/2017
Cinque le linee d’azione individuate comprendenti sette progetti definitivi e due preliminari, questi ultimi realizzabili in caso di ulteriori disponibilità. Si chiamano Progetti di Innovazione Urbana (PIU) e sono volti a favorire l’inclusione sociale e la riduzione del disagio socio-economico, tramite la valorizzazione di strutture e aree urbane. Cecina si è collocata al terzo posto su 42 comuni toscani candidati e ha ottenuto l’ammissione al finanziamento per circa 4 milioni di euro da fondi comunitari.
L’intervento presentato dal Comune di Cecina riguarda il Villaggio Scolastico e le strutture comprese al suo interno per un totale complessivo di oltre 6 milioni di euro: Teatro, Bocciodromo, Biblioteca, spazi sportivi, vialetti, aree a verde ricompresi nel quadrilatero tra le vie Moro, Pasubio, Vico, Corsini, Fucini e Napoli.
Le linee d’azione sono cinque, all’interno delle quali si sviluppano sette progetti definitivi e due progetti preliminari. Gli interventi previsti sono numerosi e variegati, vediamoli in sintesi:
1) Illuminazione Pubblica Intelligente.
2) Percorso ciclo pedonale campestre attrezzato.
3) Riqualificazione del Centro Sociale Polivalente e degli spazi pubblici del Villaggio scolastico,.
L’obiettivo è quello di mantenere la vocazione del Bocciodromo arricchendola di nuove funzioni e attività. Per questo è prevista la sistemazione degli spazi aperti del complesso Villaggio Scolastico così da favorire le attività di socializzazione, sportive e sociali. Gli interventi consistono nel: rifacimento del tetto del Bocciodromo, realizzazione di un grande parco giochi accessibile, creazione di un’area fitness outdoor liberamente fruibile e nuovo arredo urbano fra cui anche un wc pubblico.
4) Nuovo campo in erba sintetica polivalente/rugby.
5) Spazi dedicati agli sport all’aria aperta. 
6) Recupero funzionale e riqualificazione del Teatro comunale
7) Recupero funzionale e riqualificazione della Biblioteca comunale. 
Ulteriori informazioni: http://www.comune.cecina.li.it/categorie/progetti-innovazione-urbana/allenamente-come-cambiera-il-volto-del-villaggio-scolastico

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

4 marzo 2017

Bari: giostrina e altalena in pizza Gramsci

Un piccolo intervento, ma importante, per permettere a tutti i bimbi della zona di giocare in libertà. Sono state installate in questi giorni, nell'area ludica di piazza Gramsci una giostrina girevole e un sedile per altalena con schienale. Per fare spazio ai nuovi giochi, lo spazio ludico è stato allargato attraverso il taglio della pavimentazione in asfalto e l’estensione della superficie antitrauma con la sottostante soletta di cemento.
Notizia integrale qui: http://www.baritoday.it/cronaca/piazza-gramsci-nuovi-giostrine-bimbi-disabili.html

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

2 marzo 2017

Aviva Community Fund 2017

La competizione, seconda edizione.
Aviva Community Fund offre la possibilità di dare un sostegno economico per una causa importante nella tua comunità.
I progetti più votati raggiungeranno la finale e una giuria stabilirà il vincitore per ciascuna delle 18 donazioni previste.

Alcuni progetti di parchi giochi inclusivi a cui potete dare i vostri voti:

Progetto del Parco PER TUTTI a Comune Di Monterotondo. Votare è semplice accedete dal link sottostante registratevi e votate. potete votare da 1 a 10 ( noi speriamo votiate tutti 10 ) e poi se volete divulgate il vostro voto tramite fb invitando i vostri amici a fare altrettanto!!! Abbiamo bisogno del vostro aiuto per riqualificare il parco 0/6 a via Adige a Monterotondo. Grazie infinite!
Un Parco Inclusivo per Monterotondo (Roma): https://community-fund-italia.aviva.com/voting/progetto/schedaprogetto/16-465

Percorso per un Sorriso: https://community-fund-italia.aviva.com/voting/progetto/schedaprogetto/16-393

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.

1 marzo 2017

Questionario di tesi

Buongiorno amici, vi chiediamo un piccolo aiuto per una studentessa :-) Dedicate 5 minuti alla compilazione di un questionario?
L'obiettivo è riqualificare i giardini pubblici di Ravenna in modo da adattarli a tutte le disabilità esistenti, così che ogni persona possa usufruire liberamente di uno spazio pubblico senza preoccuparsi delle barriere architettoniche.
La risposta alle 12 domande sarebbe molto utile per capire meglio le esigenze con gli occhi di chi vive sulla propria pelle le difficoltà.

Per rispondere alle domande clicca qui: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfV0Kv1g5zR74p75nTOYUI9-ytap6j1yj-TmTV47WIn47gwKA/viewform

Claudia Protti & Raffaella Bedetti
Parchi per tutti
N.B: Tutto il materiale presente in questo blog è a vostra disposizione perché crediamo fermamente nel diritto al gioco di tutti i bambini e ogni giorno dedichiamo parecchio tempo a cercare notizie sui parchi inclusivi, scrivere articoli per siti e quotidiani, rispondere a interviste... Abbiate però la correttezza di non usare la funzione copia/incolla ma di rielaborare i testi e nel caso di parti di nostre interviste, (molte sono state pubblicate su siti e blog a cui abbiamo ceduto i diritti), di citare la fonte inserendo un link al post originale. Anche le immagini scattate da noi sono di nostra proprietà, vi chiediamo di fare richiesta prima di utilizzarle per articoli o post e in ogni caso abbiate l'accortezza di non eliminare i watermark che abbiamo applicato.